Banco Popolare: venduti nel primo giorno di asta tutti i diritti di opzione non esercitati


MODENA 17 FEBBRAIO Oltre all’ingresso tra i nuovi azionisti di Fondazione Manodori di Reggio, Fondazione Cassa di risparmio di Carpi e Fondazione Cassa di risparmio di Modena c’è un motivo in più a decretare il successo del maxi aumento di capitale: tutti i diritti di opzione rimasti nonesercitati all’esito dell’offerta in opzione (i “Diritti Inoptati” o “Diritti”), pari a n.1.349.420 Diritti (validi per sottoscrivere complessive n. 1.889.188 azioni ordinariedi nuova emissione Banco Popolare – Società Cooperativa (le “Azioni”) per uncontrovalore complessivo di Euro 3.343.862,76), sono stati venduti, per il tramitedi Mediobanca – Banca di Credito Finanziario S.p.A. (“Mediobanca”), nellagiornata odierna, prima seduta dell’offerta in Borsa ai sensi dell’art. 2441, comma3, del Codice Civile.Si ricorda che i Diritti potranno essere utilizzati per la sottoscrizione delle Azioni,aventi godimento regolare, al prezzo di Euro 1,77 cadauna nel rapporto di n. 7Azioni ogni n. 5 Diritti posseduti.La sottoscrizione delle Azioni dovrà essere effettuata tramite gli intermediariautorizzati aderenti al sistema di gestione accentrata di Monte Titoli S.p.A., a penadi decadenza, entro e non oltre il 23 febbraio 2011.Le Azioni rivenienti dall’esercizio dei Diritti Inoptati saranno accreditate sui contidegli intermediari autorizzati aderenti al sistema di gestione accentrata di MonteTitoli S.p.A. al termine della giornata contabile dell’ultimo giorno di esercizio deiDiritti e saranno pertanto disponibili dal giorno di liquidazione successivo.Il Prospetto Informativo è disponibile presso la sede legale di Banco Popolare – SocietàCooperativa in Verona, Piazza Nogara, 2, nonché sul sito internet www.bancopopolare.it esul sito internet di Borsa Italiana www.borsaitaliana.it.Si ricorda infine che l’Offerta è assistita da un consorzio di garanzia coordinato e diretto daMediobanca e Merrill Lynch International in qualità di Joint Global Coordinators e JointBookrunners. Nell’ambito del consorzio di garanzia, coordinato e diretto da Mediobanca eMerrill Lynch International, Credit Suisse, Deutsche Bank e Goldman Sachs hanno assunto ilruolo di Joint Bookrunners, mentre Banco Santander, Crédit Agricole CIB, Equita SIM, ING,Keefe, Bruyette & Woods, MPS Capital Services, RBC Capital Markets, The Royal Bank ofScotland e Société Générale Corporate & Investment Banking hanno assunto il ruolo di Co-Lead Managers.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet