CONFINDUSTRIA MODENA ELENA SALDA NUOVO PRESIDENTE DEI GIOVANI IMPRENDITORI


MODENA 14 DICEMBRE Cambio al vertice del Gruppo Giovani di Confindustria Modena. Dopo il mandato di Davide Malagoli, arrivato a naturale scadenza, l’assemblea dei giovani imprenditori ha eletto Elena Salda nuovo presidente.Trentotto anni, sposata con una figlia, Elena Salda è vicepresidente di Cms di Marano, l’azienda di famiglia capofila di un gruppo industriale che opera nel settore delle costruzioni meccaniche e delle lavorazioni per conto terzi.Nell’ambito del suo ruolo è responsabile della definizione delle strategie aziendali, del coordinamento delle funzioni ricoperte da manager operativi, dei rapporti con le direzioni dei maggiori clienti e degli istituti di credito, dei rapporti istituzionali e associativi. Segue personalmente l’applicazione in azienda di innovative modalità di organizzazione (World Class Manufacturing e Lean Thinking) e lo sviluppo di sistemi di gestione e controllo (Dashboard). Ha promosso la costruzione dell’asilo nido aziendale, dedicato ai figli dei dipendenti ma anche ai bambini residenti nel territorio, che ha ricevuto il premio Responsabilità sociale d’impresa della Provincia di Modena nel 2007.L’esperienza di Elena Salda all’interno del Gruppo Giovani Imprenditori è iniziata nel 2008 in qualità di consigliere con delega alla Formazione e alla Responsabilità sociale d’impresa (Rsi). Dal 2009 siede nel consiglio d’amministrazione di Nuova Didactica, la scuola di alta formazione di Confindustria Modena e dal 2010 è invitata permanente alla giunta di Confindustria Modena.Elena Salda rimarrà in carica fino a dicembre 2014 e opererà al fianco dei due vicepresidenti Marco Arletti, di Chimar, e Giorgio Bellucci, di Caglio Bellucci. Con la sua nomina è stato eletto anche il nuovo consiglio direttivo che risulta composto da 10 consiglieri: Valentina Agnani di Suincom; Alessandro Baklagis di Ram Elettronica; Alessio Balestri di Centro Alesatura; Marta Brozzi di Duna-Corradini; Vittorio Cavani di Alvit; Gianmarco Messori di Messori Italia; Luca Panini di Franco Cosimo Panini Editore; Fabio Poli di Gruppo Sirio; Federico Saetti di Opocrin; Claudio Stefani di Gran Deposito Aceto Balsamico Giuseppe Giusti.«Ringrazio di cuore i colleghi imprenditori per la fiducia che hanno voluto accordarmi», ha affermato la neopresidente. «Da oggi comincia per me una nuova avventura, nella quale ritengo di poter convogliare tanta energia e tanta passione. Credo nel valore delle persone, nella forza del gruppo e considero fondamentale il principio dell’associazionismo. Le persone hanno sete di valori e di esempi, a maggior ragione noi giovani imprenditori che dobbiamo attrezzarci per trasmetterne. Dalla nostra parte abbiamo la curiosità, la voglia di emergere e forse una buona cultura di base. Abbiamo però bisogno di esempi positivi, di leader che ci mostrino la strada corretta e che ci lascino credere che etica, coerenza e giustizia siano valori da perseguire».Nel suo mandato Elena Salda ha individuato alcune priorità. «La formazione continuerà a essere un cavallo di battaglia del nostro movimento: stimolerò i miei giovani colleghi attraverso seminari e iniziative didattiche ad hoc. Parallelamente lavorerò a un loro maggior coinvolgimento nella vita dell’associazione e mi soffermerò con particolare attenzione sul ruolo e sui principi della Responsabilità sociale d’impresa». «Partendo da noi stessi, ma anche rivolgendoci alla generazione che ci precede e ad altre componenti della società», conclude Elena Salda, «dobbiamo recuperare il rigore delle nostre azioni e il coraggio delle nostre idee. Un Paese che vuole essere migliore non può prescindere dai suoi giovani».

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet