PREMIO LEGAMBIENTE ALLA KERAKOLL


SASSUOLO 14 DICEMBRE Il Gruppo Kerakoll – il più importante produttore mondiale di materiali ecocompatibili per costruire nel rispetto dell’ambiente e del benessere abitativo, si è aggiudicato il Premio all’Innovazione Amica dell’Ambiente per la categoria “Abitare sostenibile”. Il Premio – iniziativa sviluppata in seno alla Campagna SEE (Sustainable Energy Europe) – è un riconoscimento nazionale e si rivolge alle innovazioni di impresa in campo ambientale, che siano orientate alla sostenibilità e che si siano distinte per originalità e potenzialità di sviluppo. Lo scopo che si propone è quello di contribuire a creare un contesto favorevole alla ricerca e alla diffusione di buone pratiche orientate alla sostenibilità, valorizzando quelle realtà che sappiano cogliere la sfida di un sempre maggiore rispetto per l’ambiente, trasformandola in un’irrinunciabile opportunità di sviluppo anche economico e sociale. A conferma della valenza strategica dell’iniziativa, il concorso – ideato da Legambiente – ha registrato nel corso degli anni il sostegno e la promozione da parte di Enti, Associazioni e Soggetti Istituzionali di prestigio, uniti dalla comune volontà di premiare le innovazioni più meritevoli e di accrescere lo sviluppo e la diffusione di soluzioni all’avanguardia dal punto di vista dell’ eco-sostenibilità, per migliorare la qualità della vita nel rispetto dell’ambiente. Tema e linea guida dell’edizione 2010 è stata la riflessione su una delle più grandi sfide per le società contemporanee: la ricerca e l’elaborazione di modelli di sviluppo realmente sostenibili, in grado di comporre armoniosamente la necessità di preservare il capitale naturale, aumentando nel contempo la qualità di vita di tutti gli abitanti del pianeta. Considerando che, negli anni più recenti, si è assistito per la prima volta nella storia al sorpasso della popolazione urbana su quella rurale, e che le città consumano più del 70% di tutta l’energia e producono il 69% delle emissioni di CO2, al giorno d’oggi la vera sfida a livello globale è quella di progettare non più singoli edifici, ma interi quartieri e centri urbani caratterizzati da basse emissioni. Sulla cifra record di 225 innovazioni in gara quest’anno, sono state valutate quelle più meritevoli – di prodotto, di processo, di servizi, di sistema, tecnologiche e gestionali – in un contesto di ricerca che persegue contemporaneamente il benessere dell’uomo, la tutela dell’ambiente e la valorizzazione del territorio, e sono state premiate le eccellenze realizzate nei settori-guida di questa nuova tendenza: “ciclo chiuso delle risorse e nuovi materiali”, “la filiera delle energie rinnovabili”, “nutrire il pianeta, energia per la vita” e “abitare sostenibile”. Ecco perché l’edizione 2010 ha voluto far emergere le eccellenze delle nuove costruzioni. Oltre ai nuovi quartieri e ai singoli edifici, particolare attenzione è stata rivolta ai componenti, materiali e “nuovi” materiali, impianti, tecnologie e soluzioni, servizi e sistemi le cui innovazioni cominciano ad essere applicate in Italia e nel mondo e che assicurano agli edifici una elevata qualità abitativa, e al rispetto della sostenibilità lungo l’intero ciclo di vita: risparmio e utilizzo efficiente di risorse in fase di demolizione e costruzione, utilizzo di materiali locali, recuperati e riciclabili, riduzione e recupero dei rifiuti, riduzione dell’inquinamento acustico, risparmi energetici, idrici e gestionali, minor consumo di suolo e azioni di recupero ambientale. Più in particolare il progetto candidato dal Gruppo Kerakoll è stato il “Kerakoll GreenLab” a Sassuolo, il nuovo avveniristico Centro Ricerche che raggruppa 9 laboratori avanzati per lo sviluppo di Green Technology.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet