Ricchetti: ok Cda progetto fusione di La Generale Servizi e alla trimestrale


modena 13 maggio-Il Cda di Ricchetti ha approvato il progetto di fusione per incorporazione della societa’ controllata al 100% La Generale Servizi Srl, nel gruppo Ricchetti.La fusione, si legge in una nota, avverra’ mediante incorporazione con annullamento senza sostituzione delle quote, rappresentanti l’intero capitale sociale dell’incorporanda. La societa’ incorporante, infatti, possiede l’intero capitale sociale dell’incorporanda. Ne consegue che nessun rapporto di cambio sara’ determinato in dipendenza della fusione e gli effetti contabili della fusione, essendo l’operazione esclusa dall’applicazione del principio contabile IFRS 3 (business combination), sono gia’ riflessi nel bilancio consolidato. A partire dalla data di efficacia della fusione, la societa’ incorporante subentrera’ in tutti i rapporti giuridici attivi e passivi facenti capo alla societa’ incorporanda.La Generale Servizi Srl dopo il ripianamento delle perdite dell’esercizio 2010 ha un capitale sociale di 10.000 euro interamente versato. Tale importo corrisponde al valore della partecipazione iscritta nel bilancio della controllante e, pertanto, dalla fusione non si origineranno avanzi o disavanzi. La fusione corrisponde alla strategia volta alla razionalizzazione della struttura societaria del Gruppo. a perdita pretasse di Ricchetti nel primo trimestre 2011 si attesta a 0,9 mln euro (-1,6 mln in 1* trim 2010).Il fatturato consolidato, si legge in una nota, ammonta a 49 mln (48,5 mln in 1+ trim 2010), la perdita netta ammonta a 1,7 mln (-2,7 mln in 1* trim 2010), l’Ebitda margin ammonta a 1,6 mln (1,2 mln in 1* trim 2010), l’Ebit e’ di -0,3 mln (-0,6 mln in 1* trim 2010), la posizione finanziaria netta registra un indebitamento di 102,9 mln (103,1 mln al 31 dicembre 2010 e 114,8 mln al 31 marzo 2010). L’incidenza della gestione finanziaria e’ pari al 1,5% del valore della produzione, in diminuzione rispetto al 2,3% del corrispondente periodo 2010. Gli oneri finanziari netti evidenziano al 31/03/2011 un saldo pari a 0,8 mln (1,0 milioni di euro al 31 marzo 2010

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet