BAXTER COMPRA GAMBRO E TORNA NEL DISTRETTO BIOMEDICALE DI MIRANDOLA


MIRANDOLA 12 SETTEMBRE La multinazionale americana Baxter ha perfezionato in questi giorni con la definitiva acquisizione del gruppo svedese Gambro. E’ il secondo player mondiale nel mercato della dialisi, un colosso da 4,2 miliardi di dollari di ricavi.
Gambro a Medolla ha il terzo stabilimento per valore della produzione, sui 13 fin qui posseduti in 9 diversi Paesi: 200 milioni di euro di fatturato (salgono a 250 con l’altro sito italiano a Sondalo, Sondrio) tra monitor per l’emodialisi e bloodline, su un miliardo di business consolidato; e 700 dipendenti sui 7mila del gruppo. Uno stabilimento, quello di Medolla di Gambro Dasco (che manterrà il proprio nome, così come resterà il logo Gambro sui prodotti) pesantemente compromesso dal sisma del 2012, che non ha per ora motivi di allarmarsi, in attesa di un primo incontro ufficiale con la nuova proprietà. I lavori di ricostruzione – oltre 35 milioni di euro, totalmente coperti dalle assicurazioni – sono finalmente partiti lo scorso luglio nel centro distributivo ed entro fine mese dovrebbero essere affidati i cantieri per il secondo lotto, relativo alle aree produttive e di R&S. Il nuovo stabilimento modenese sarà dimensionato per produrre 6mila monitor l’anno (il 120% della produzione pre-sisma) mantenendo lo standard di 5 milioni di cassette.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet