Minacce di morte all’arcivescovo Caffarra. Indaga la procura


BOLOGNA, 14 GEN. 2011 – Una voce maschile, senza evidenti inflessioni dialettali, che pronuncia una sola frase: "Uccideremo il cardinale Caffarra". Questa la telefonata giunta alle 19 e 30 di martedì scorso alla centrale operativa della questura di Bologna. Una chiamata durata pochi secondi ma che gli agenti sono riusciti a localizzare. Qualcuno ha usato una cabina nei pressi di via Murri. I sopralluoghi effettuati subito dopo nella zona da agenti del 113 e personale della Digos hanno dato esito negativo. LA PROCURA APRE UN FASCICOLO. Il reato è di minacce gravi, ulteriormente aggravate dall’odio religioso. La vicenda è seguita direttamente dal procuratore capo Roberto Alfonso, che ha assegnato l’inchiesta al pm Enrico Cieri del gruppo terrorismo e istituzioni. In questo caso è l’aspetto istituzione a prevalere visto che Caffarra fa parte della Cei, la conferenza episcopale italiana che ha rilevanza politica. Sono stati disposti accertamenti tecnici e gli investigatori non escludono di poter risalire all’autore. E In attesa di verificare l’attendibilità della telefonata minatoria nei confronti dell’arcivescovo di Bologna, gli investigatori hanno deciso di intensificare la vigilanza e le misure di protezione, soprattutto in occasione delle uscite pubbliche del cardinale.SOLIDARIETA’ DA ERRANI. "Eminenza, personalmente e a nome della comunità emiliano-romagnola, desidero esprimerle un segno di forte solidarietà di fronte ad un gesto minaccioso e violento che turba e offende Bologna e questa regione", queste le parole del presidente dalla Regione rivolte a Carlo Caffarra. "Un gesto che non va in alcun modo sottovalutato ma isolato e contrastato con fermezza. Sono certo che l’affetto dei bolognesi si dimostrerà ancora una volta un sostegno importante per svolgere, con la serenità necessaria, il suo alto compito".RICCHETTI: "EPISODIO DI GRAVITA’ INAUDITA". "Si tratta di un inquietante ed intollerabile episodio su cui va fatta subito chiarezza". ha detto Matteo Richetti, presidente dell’Assemblea legislativa.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet