Millenians, le coop puntano sui giovani


La cooperazione bolognese punta sui millennials, una generazione sensibile al tema dello sviluppo sostenibile, in grado di portare nuova linfa e innovazione nel movimento cooperativo. Millennials.coop è il primo progetto unitario dell’Alleanza delle Cooperative di Bologna e Imola, che ha deciso di puntare sui giovani in maniera strategica. Millennials.coop è una piattaforma (digitale e di lavoro) che darà vita alla prima community per giovani interessati allo startup cooperativo o alle collaborazioni con imprese cooperative.

La cooperazione ha deciso di far partire dai giovani i propri progetti unitari sia per dare risposta all’emergenza occupazionale sia per rafforzare le competenze per la competitività delle imprese cooperative (anche verso Industria 4.0). I ragazzi troveranno sul sito millennials.coop informazioni, approfondimenti, contatti e opportunità anche esterne al mondo della cooperazione. Il progetto è frutto di una serie di partnership, tra cui quelle con Università di Bologna (il 27 maggio il progetto sarà presentato allo Startup Day a Palazzo Re Enzo), Fondazione del Monte e Camera di Commercio di Bologna, che sostengono da tempo i progetti di promozione cooperativa tra i giovani, e Fondazione Golinelli.

Millennials.coop è stato presentato oggi da Rita Ghedini, presidente di Legacoop Bologna, nel corso della cerimonia di premiazione di Coopyright Inventa una cooperativa e Coopyright Junior, alla quale è intervenuto il sindaco di Bologna, Virginio Merola.

“Millennials.coop è parte di un processo di attenzione ai giovani, all’innovazione e alle nuove traiettorie di sviluppo cooperativo, che abbiamo avviato da tempo. Nasce come un progetto pilota unitario della cooperazione metropolitana, che vorremmo estendere in altri territori – dichiara Rita Ghedini, presidente di Legacoop Bologna – L’attenzione ai giovani è nel nostro Dna, e questo progetto è anche un modo per rispondere ai bisogni (occupazionali, ma non solo) dei giovani. Serve insistere sulla formazione, i mutamenti economici e sociali richiedono nuove competenze per Industria 4.0, ma alla cooperazione non possono bastare solo le competenze tecniche, serve molto di più per accompagnare i giovani nella costruzione di una Società 4.0 equa e sostenibile”.

Coopyright Inventa una cooperativa e Coopyright Junior, rispettivamente alla decima e alla sesta edizione, sono i concorsi riservati a studenti delle scuole superiori e delle medie, che hanno l’obiettivo di avvicinare i giovani alla cooperazione, coinvolgendoli nella creazione di una impresa cooperativa (Coopyright Inventa una cooperativa) o nella redazione di una ricerca storica su una cooperativa del territorio (Coopyright Junior).

Negli anni sono stati coinvolti circa 2.200 ragazzi, di 49 istituti del territorio.

All’edizione 2017 di Coopyright Inventa una Cooperativa, hanno partecipato: Interclasse Liceo Scientifico Fermi di Bologna, 4°E Liceo Artistico Isart, 3°H Istituto Commerciale Salvemini di Casalecchio, 4°A I.I.S. Malpighi di San Giovanni in Persiceto, 4°A Istituto Aldini Valeriani Sirani di Bologna, 4°C Liceo Laura Bassi di Bologna.

A tutte le classi partecipanti a Coopyright Inventa una Cooperativa è stato assegnato il premio di partecipazione di 500 euro. Ad ognuna delle due classi vincitrici, Interclasse Liceo Fermi e 4°E Isart,è stato consegnato un premio ulteriore: un notebook per l’attività didattica.

All’edizione 2017 di Coopyright Junior, hanno partecipato: 3°H Scuola media A. Volta di Casteldebole, 2°C Scuola Media Zappa di Bologna, 3°A e 3°B Scuola media Saffi di Bologna, 2°B Scuola media Il Guercino di Cento.

A tutte le classi partecipanti a Coopyright Junior è stato assegnato il premio di partecipazione di 500 euro. Ad ognuna delle due classi vincitrici, 2°C scuola media Zappa e 3°A + 3°B Scuola media Saffi, è stato consegnato un premio ulteriore: un notebook per l’attività didattica.

Complessivamente sono stati assegnati premi per un valore di 8.000 euro.

“La cooperazione bolognese sta portando avanti con determinazione il progetto dell’Alleanza delle Cooperative, guardiamo al futuro e i giovani ci aiutano a farlo meglio – dichiara Daniele Passini, presidente di Confcooperative Bologna e Alleanza delle Cooperative di Bologna e Imola – Non è un caso che il primo progetto strategico unitario sia pensato per avvicinare i giovani alla cooperazione, vogliamo aprirci a loro per essere protagonisti dei cambiamenti e per portare i nostri valori nel futuro. Rimarco anche il fatto che questi progetti – conclude Passini – siano nati e cresciuti in un territorio in cui le cooperative sono un modello per solidità, storia e capacità di innovare mantenendo fede ai propri valori, questo ci fa ben sperare sul fatto che possano diventare d’esempio per altri territori”.

Coopyright – Inventa una cooperativa è il concorso di idee promosso da Legacoop Bologna e Confcooperative Bologna, con la collaborazione del Centro Italiano di Documentazione sulla Cooperazione e l’Economia sociale e Irecoop e il patrocinio dell’Ufficio Scolastico Regionale. E’ realizzato grazie al contributo, fra gli altri, della Camera di Commercio di Bologna, della Fondazione del Monte, Emil Banca, Coop Alleanza 3.0 e Librerie.coop

Le coop tutor dell’edizione 2017 sono state: Coop Edificatrice Ansaloni, Open Group, Demetra Formazione, Sogese, Anima, Coop Birrificio B3

Coopyright Junior è un concorso promosso da Legacoop Bologna e Confcooperative Bologna, e dal Centro di Documentazione sulla Cooperazione e l’Economia Sociale. E’ realizzato con il contributo della Camera di Commercio di Bologna e della Fondazione del Monte e con la collaborazione di: Istituto Storico Parri Emilia-Romagna, Open Group, Coop Alleanza 3.0 e Librerie.coop

Le coop tutor dell’edizione 2017 sono state: Coop La Baracca, Cooperativa Sociale Ossigeno, Open Group, La Città Verde.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet