Micro-Vett svende tutto


Micro-Vett di Imola svende tutto: dalle scrivanie ai trapani, passando per un lungo elenco di veicoli ed un pacchetto di marchi e brevetti. In termini tecnici, l”intero “complesso aziendale” dell’azienda specializzata nella progettazione e fabbricazione di veicoli a trazione elettrica, fallita all’inizio del 2013 dopo 27 anni di attività. L’udienza per la vendita del lotto, comprendente tutti i beni mobili inventariati nel fascicolo di fallimento, è stata fissata dal Tribunale di Bologna per il prossimo 24 gennaio: la base d’asta è fissata a quota 400.000 euro. L’operazione rientra nel Programma di liquidazione approvato dal giudice lo scorso 20 dicembre. In base alla perizia stilata lo scorso luglio dall’esperto nominato dal curatore fallimentare, il valore dei beni mobili dell’azienda è stato stimato in un milione e 25.000 euro nell’ipotesi di cessione senza produttiva (che sarebbero lievitati ad un milione e 512.000 euro in caso di mancata continuità). L’inventario comprende alcune centinaia di oggetti tra arredi ed apparecchiature da ufficio ancora presenti nello stabilimento di via Gambellara, per un totale di 6.000 euro. Si aggiungono 57.000 euro in macchinari ed attrezzature produttive: poco meno di 300 oggetti tra cui trapani, banchi da lavoro, ponti per il sollevamento dei veicoli ed un muletto. Si passa poi alle giacenze di magazzino, quantificate in 295.000 euro tra materie prime e batterie. Segue un ampio parco veicoli (167.000) tra auto, furgoni e ciclomotori, compresi alcuni mezzi per uso aziendale e qualche prototipo. Infine, vanno in vendita anche quattro brevetti, due marchi comunitari ed il resto del know-how su cui fino alla chiusura si fondava l’attività della Micro-Vett: 500.000 euro.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet