Mi Muovo anche a Reggio


REGGIO EMILIA, 31 DIC 2010 – Dal 1 gennaio anche nella provincia di Reggio Emilia arriverà “Mi muovo”, il sistema di trasporto integrato emiliano-romagnolo, che consentirà, una volta andato a regime, di muoversi in tutta la regione utilizzando un solo tipo di biglietto. La novità più importante riguarderà il piano tariffario, che sarà impostato non più su base chilometrica, ma in base alle zone attraversate durante il viaggio, così come avviene già da alcuni mesi a Modena e Bologna. La provincia di Reggio Emilia infatti è stata divisa in 59 zone: muoversi all’interno della stessa zona costerà 1.00 euro (1.10 nell’area urbana di Reggio Emilia). Ogni attraversamento di altre zone costerà 75 centesimi in più: un biglietto singolo per due zone costerà 1.75 euro, per tre zone 2.50 euro, per quattro zone 3.25 euro e così via. Sarà possibile pagare di meno le singole corse utilizzando i biglietti multipli e gli abbonamenti.Dal 1 gennaio saranno inoltre in vendita i nuovi biglietti di tipo usa e getta con banda magnetica, già visti negli altri capoluoghi della regione. Saranno emessi anche biglietti in formato tessera di plastica munita di microchip. I biglietti di corsa singola di vecchio tipo saranno utilizzabili sui mezzi fino al 31 gennaio 2011, mentre i biglietti multipli fino al 30 giugno 2011, con prima convalida nel 2010. In tutti i punti vendita sarà però possibile sostituire i biglietti vecchi con quelli nuovi.LA POLEMICA DEI GRILLINI – Il Consigliere della Lista civica Reggio 5 Stelle Matteo Olivieri aveva parlato nei giorni scorsi di “occasione sprecata” per l’ACT di combattere finalmente l’evasione del pagamento del titolo di viaggio. Secondo Olivieri, l’ACT avrebbe già cominciato a montare le nuove obliteratrici anche di fronte alla porta centrale dei mezzi, invece di costituire un passaggio obbligato dalla parte del conducente. Una soluzione quest’ultima che consentirebbe di impedire l’utilizzo del servizio a chi non paga il biglietto.Alle accuse l’ACT ha risposto con una nota, spiegando di aver per ora soltanto affiancato le nuove obliteratrici alle vecchie, e che nel momento in cui la sostituzione sarà definitiva, le vecchi spariranno e rimarranno soltanto le nuove, poste rigorosamente nella parte anteriore, in modo da imporre il controllo del conducente.BOLOGNA PIU’ CARA – Se a Bologna Mi Muovo non è più una novità, lo sono eccome i 20 centesimi di aumento sulla tariffa urbana in un colpo solo, che da domani graveranno sulle tasche dei cittadini felsinei. Era dal 2002 che il prezzo era rimasto inchiodato a 1.00 euro. Ora il biglietto di Bologna diventerà il più caro rispetto agli altri capoluoghi, dopo essere stato a lungo il più economico.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet