Mercato del lavoro: “Nessuno sia inamovibile”


REGGIO EMILIA, 7 NOV. 2011 – Luca Bergonzini, 59 anni, sposato, due figli, direttore generale di Bucher Hydraulics, azienda oleodinamica appartenente alla omonima multinazionale svizzera, venerdì scorso, al teatro La Cavallizza di Reggio, ha ricevutol’investitura a presidente del gruppo metalmeccanico di Industriali Reggio. Il testimone gli è stato passato da Ivano Corghi della Walvoil.  Bergonzini ha manifestato un cauto ottimismo sulle sorti di un settore, che a Reggio conta 300 aziende e 23.000 addetti. Ha detto che grazie all’export buona parte del settore si è ripresa dalla drammatica crisi del 2009.Nella sfida della competizione internazionale a preoccupare gli imprenditori è anche lo scenario di inerzia offerto dal governo. “Abbiamo bisogno di un supporto per affrontare la sfida della competizione internazionale”, ha detto Bergonzini.Nel convegno ha trovato eco il dibattito sulle relazioni sindacali, con critiche alla Fiom-Cgil per i conflitti sul contratto nazionale portati nelle aule dei tribunali. Per gli imprenditori serve anche una riforma della legislazione del lavoro. E non a caso ospite d’onore era il senatore Pietro Ichino, del Pd, giuslavorista e autore di un disegno di legge che rivoluzionerebbe le modalità delle nuove assunzioni.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet