Mercati. Lunedì nero a Piazza Affari


5 SET. 2011 – Inizia male la settimana dei mercati europei. In particolare per Piazza Affari è stato un lunedì nerissimo: – 4,83% il dato di chiusura. Travolti dalla valanga di vendite sono stati soprattutto i titoli del settore bancario. Diversi gli istituti di credito sospesi per eccesso di ribasso, tra i quali Unicredit e Intesa Sanpaolo. Lunedì nero anche per le azioni del gruppo Fiat, con Fiat Spa e Fiat Industrial che perdono entrambe più del 6,4%. Ma le preoccupazioni maggiori riguardano i conti pubblici. Pessimo l’andamento dei titoli di Stato italiani, sempre più sotto pressione. Torna a schizzare il differenziale tra il rendimento dei Btp decennali italiani e gli omologhi Bund tedeschi. Il divario ha segnato un picco giornaliero di 370 punti, per poi ridiscendere a 365.Un segnale che non piace al Governatore della Banca d’Italia, Mario Draghi, che ribadisce di non dare per scontati futuri acquisti da parte della Banca comunitaria europea di titoli di debito pubblico.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet