Meno utili ma più sociale per Coop Adriatica


BOLOGNA, 6 FEB. 2012 – Un utile da 13 milioni. Sarà questo, euro più euro meno, il risultato con il quale Coop Adriatica chiuderà il 2011, uno degli anni peggiori della cooperativa che gestisce 171 punti vendita in Emilia-Romagna, Veneto, Abruzzo e Marche. Ma che vuole, vista la crisi, potenziare il suo impegno nel sociale. E proprio questo è l’obiettivo che Coop Adriatica si è posta con il bilancio preventivo di sostenibilità 2012, che sarà discusso, nelle prossime settimane, in 44 assemblee di zona. Un bilancio che, peraltro, dovrà probabilmente, almeno secondo le previsioni della cooperativa, fare i conti con un utile che si restringerà ulteriormente nel 2012. "Dobbiamo rafforzare e sostenere – ha detto il presidente Adriano Turrini – il nostro essere sociale in questo periodo di crisi, rinnovando le nostre attività fatte dagli oltre duemila volontari, il sostegno ai cassintegrati e ai disoccupati e individuare nuove forme di aiuto ai soggetti più deboli, come i giovani. E facendo i conti, in generale, con un potere d’acquisto che continua a perdere di valore. Per questo, l’obiettivo primario è continuare ad essere sostenibili con la convenienza, mantenendo però inalterato il nostro impegno per la qualità e la legalità".Per frenare gli effetti di una probabile ripresa dell’inflazione sono previsti investimenti in convenienza per 27 milioni in più rispetto al 2011 per i soci e tutti i consumatori, grazie al contenimento dei prezzi e alle promozioni.Etica, solidarietà, sostenibilità ambientale, valorizzazione delle produzioni locali e rispetto della legalità sono i valori che Coop promuoverà anche con la campagna ‘Conviene’, al via da questo mese in tutti i punti vendita e centrata sui prodotti italiani di qualità, etici, solidali, frutto della legalità e sostenibili. L’obiettivo delle offerte e delle promozioni è quello di consentire ai soci di risparmiare 85 milioni.L’obiettivo, inoltre, è anche quello di continuare lo sviluppo dei prodotti e dei servizi innovativi: dal pagamento delle bollette alle casse alla vendita di farmaci da banco negli spazi Coop Salute, fino all’offerta di pannelli fotovoltaici ‘chiavi in mano’ e ai servizi assicurativi e finanziari con gli spazi CoopCiConto. Quest’anno, Coop Adriatica inaugurerà il primo distributore di carburante a marchio Ener.Coop a Castel Maggiore (Bologna), in corso di realizzazione. "Non vogliamo – ha detto Turrini – diventare gestori di pompe di benzina, ma offrire un servizio complementare in tutti i grandi centri per calmierare il prezzo, facendo cioè qualcosa per costringere anche gli altri ad abbassare il prezzo della benzina".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet