La meccanica abbraccia le gemelle tedesche


L’ambasciatore tedesco Reinhard Schaefers ha fatto oggi visita alla Lamborghini con una delegazione di imprenditori tedeschi di aziende leader della meccanica, invitati da Confindustria e dalla corrispondente organizzazione tedesca, la Bdi (Bundesverband der Deutschen Industrie), d’intesa con l’Ambasciata della Germania in Italia. La visita si inserisce all’interno del “Meeting italo-tedesco verso una piattaforma meccanica europea” in programma all’Alma graduate school di Bologna, organizzato per parlar di questioni strategiche per l’industria meccanica in Italia e in Germania. L’incontro mira, come si spiega in una nota, a formulare proposte concrete ai rispettivi Governi e a sviluppare relazioni più strette tra le imprese italiane e tedesche. Lamborghini è stata coinvolta in quanto esempio di azienda italiana automobilistica di eccellenza. Gli imprenditori, accolti da Umberto Tossini, direttore Risorse umane e organizzazione, sono stati guidati nel cuore del comparto produttivo di Sant’Agata Bolognese, dove escono ogni giorno le supersportive Huracan e Aventador. La visita è proseguita al Museo, dove gli ospiti hanno potuto ammirare numerosi esemplari storici, dalla prima Lamborghini prodotta, la 350 GT, alla Miura, alla Countach, fino alle serie limitate come la Sesto Elemento. Nel pomeriggio la delegazione ha visitato la Ducati, anch’essa del gruppo Audi e quindi altro esempio concreto di collaborazione tecnologica tra Germania e Italia.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet