Maserati torna in India


Maserati ha annunciato il suo ritorno in India. La rinnovata attenzione al mercato indiano, che per Maserati rappresenta un significativo potenziale di sviluppo a medio termine, è in linea con la strategia di crescita del marchio. Grazie all’ingresso in nuovi mercati e all’ampliamento del suo portafoglio prodotti, nel 2014 Maserati ha incrementato le vendite annue nel mondo fino a un totale di 36.500 vetture. Alla GranTurismo e alla GranCabrio si affiancano ora la sesta generazione di Quattroporte e la nuova Ghibli, prima berlina executive del segmento E. Tutti i modelli sono prodotti in Italia. Maserati approda sul mercato indiano sfruttando le sinergie del Gruppo, e farà capo a Fiat Chrysler Automobiles India (FCAI). Per il terzo trimestre del 2015, nei grandi centri di New Delhi, Mumbai e Bangalore è prevista l’apertura di tre concessionarie: AMP Supercars Pvt. Ltd., Bagga Luxury Motorcars LLP e Jubilant Autoworks Pvt. Ltd., che rappresenteranno Maserati nella rispettiva area di competenza. Per tutte le sedi sono inoltre previsti centri di assistenza Maserati, perfettamente in linea con gli standard globali della Casa del Tridente, mentre il personale dell’assistenza e degli showroom sarà formato dai trainer autorizzati Maserati. Il nuovo responsabile operativo per l’India, Bojan Jankulovski, ha così commentato l’annuncio: “Guidare una Maserati è come indossare un abito sartoriale in un mondo dove tutti si vestono allo stesso modo. Il nostro ritorno sul mercato indiano è un impegno nei confronti dei nostri clienti, perché su questo mercato c’è una grande richiesta di prodotti di lusso esclusivi, comprese le auto. Approdando in India e in altri nuovi mercati in varie parti del mondo possiamo crescere per espansione.” Bojan Jankulovski vanta oltre 15 anni di esperienza nell’industria automobilistica, dove si è occupato in particolare di vendite, post-vendita e sviluppo della rete commerciale. Sotto la sua guida, negli ultimi due anni Maserati ha consolidato la sua presenza in cinque mercati del Medio Oriente e del Sudest Asiatico.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet