Maserati. “Modena destinata a spegnere i motori?”


MODENA, 4 NOV. 2011 – I lavoratori della Maserati di Modena per sapere qualcosa sul loro futuro devono comprare Quattroruote. Da tempo, infatti, cercano un confronto con la proprietà per avere informazioni sul piano industriale dell’azienda di auto di lusso. Quest’ultima fa sapere che non ci sono nuove da comunicare. Eppure sfogliando la rivista di motori più diffusa in Italia, si apprende che la nuova produzione della Maserati Quattro Porte segmento ‘G’ verrà prodotta nel sito delle ex carrozzerie Bertone di Grugliasco".Uniti, i sindacati metalmeccanici Fiom, Fim e Uil, insieme alle Rsu, hanno proclamato lo stato di agitazione per lo stabilimento sotto la Ghirlandina. La motivazione, scrivono in una nota, è per la "totale incertezza sulla continuità produttiva dello stabilimento modenese".L’assemblea dei lavoratori stamattina ha deciso due ore di sciopero la prossima settimana "come risposta ai mancati chiarimenti da parte dell’impresa – ripetutamente sollecitati dai lavoratori anche nelle ultime settimane – sui piani industriali futuri del Tridente".In una lettera del 7 ottobre all’ad Harald Wester, la Rsu "aveva chiesto un incontro ufficiale sul futuro dell’azienda, considerandolo oramai un atto inderogabile. La risposta è arrivata per bocca del responsabile del personale dottor Armillei, negando quindi un incontro ufficiale ai lavoratori, ed è stato ribadito che l’azienda non ha nulla di nuovo da comunicare rispetto agli incontri precedenti. Questo è un segnale molto preoccupante e lascia nella totale incertezza il futuro di Maserati a Modena, incertezza che lavoratori e Rsu non sono più disposti a tollerare".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet