Martini Sas, i sindacati: “Lavoratori sospesi”


Lavoratori sospesi, senza stipendio e senza ammortizzatori sociali, alla Martini Sas di Concordia. È l’ultima “beffa” denunciata oggi dai sindacati, dopo che con il naufragare della trattative di cessione è saltata anche la possibilità del concordato preventivo in continuità. I 50 lavoratori della Martini se oggi vogliono ottenere un minimo di reddito – scrivono Fiom Cgil e Fim Cisl – devono paradossalmente essere licenziati e accedere al percorso dell’indennità di disoccupazione Naspi.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet