Mariella Burani, “ancora un anno di cassa straordinaria”


© Telereggio6 LUG. 2012 – Altri dodici mesi di cassa integrazione straordinaria per i 150 dipendenti di Mariella Burani. È la richiesta che i curatori fallimentari dell’azienda di Cavriago hanno avanzato al governo e che dovrebbe essere discussa – e auspicabilmente accettata – nell’incontro in programma mercoledì prossimo a Roma, al tavolo convocato al ministero dello sviluppo economico.
Franco Cadoppi, Giovanni Crotti e Maria Domenica Costetti, i curatori fallimentari nominati dal tribunale di Reggio all’inizio di giugno sperano in tal modo di garantire un altro anno di tempo e di attività produttiva. Un anno di tempo che dovrebbe servire ad individuare un compratore per ciò che resta di Mariella Burani Fashion Group. Insomma, riuscire laddove, nonostante ripetuti annunci regolarmente disattesi, hanno fallito i commissari straordinari.
I 150 dipendenti arrivano da due anni di cassa integrazione, uno di ordinaria e uno di straordinaria. Attualmente lavorano a rotazione, 50-60 alla volta per assicurare l’uscita dei prodotti a Marchio Burani. ‘Perchè – dicono i sindacati – siamo di fronte ad un fallimento, non alla cessazione dell’attività. E le professionalità dell’azienda ci sono e continueranno ad esserci. A fine mese dovrebbe essere presentata la nuova collezione della maison per la primavera estate 2013. Le poche, residue speranze per i dipendenti dello stabilimento di via della Repubblica sono affidate all’incontro di mercoledì prossimo nella capitale.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet