Marchionne in Ferrari almeno fino al 2021


Sergio Marchionne resterà alla Ferrari almeno fino al 2021, quindi anche dopo la prevista uscita da Fca. E’ quanto si desume dal piano di incentivi per l’amministratore delegato e altri manager della società. Marchionne – si legge nel bilancio 2016 – riceverà nel febbraio 2021 l’ultima tranche del piano di incentivi in azioni approvato il primo marzo dal cda. I compensi all’ad saranno legati “al ritorno per gli azionisti relativo a un gruppo di aziende comparabili sull’orizzonte strategico di cinque anni”.

 

Il rapporto tra Sergio Marchionne e il Cavallino è destinato a durare, almeno fino al 2021. Quindi oltre il 2018, anno previsto per l’uscita da Fca. E’ quanto emerge dal piano incentivi per i dirigenti presentato con il bilancio della Ferrari al Sec, l’autorità di vigilanza della Borsa Americana. Un bilancio, il primo dopo lo scorporo da Fiat, chiuso con una crescita in doppia cifra e un utile di 400 milioni. Il piano che dovrà essere approvato dall’assemblea dei soci, prevede che Sergio Marchionne, presidente di Ferrari e dal 2 maggio scorso anche amministratore delegato, non percepisca compensi per i suoi incarichi. Riceverà invece 450 mila azioni Ferrari dal 2019 al 2021. 150mila l’anno, per circa 28 milioni di euro stando ai valori attuali. Titoli che si aggiungeranno alla quota già in mano al manager, composta da un milione 400 mila azioni per 90 milioni di euro) pagata dopo lo scorporo da Fca. Il piano fa capire insomma quanto ancora sia lunga l’era Marchionne al Cavallino.
Quanto ai compensi l’ex amministratore delegato Amedeo Felisa, ora consigliere esecutivo, ha invece incassato 6,75 milioni, di cui 5,5 milioni a titolo di buonuscita.
“Abbiamo creato valore” ha scritto Marchionne agli azionisti e chi meglio di lui può capirlo: i grafici di Borsa in fondo parlano chiaro: sia a Piazza Affari che a Wall Street, il titolo in un anno è quasi raddoppiato arrivando oltre i 60 euro in Italia e intorno ai 60 dollari in America. E l’era Marchonne è solo all’inizio.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet