Marchesini acquisisce Dumek


Acquisizione della bolognese Dumek e fatturato 2016 in sensibile rialzo per Marchesini Group, colosso emiliano del packaging. Lo scorso anno, spiega una nota del gruppo, i ricavi si sono attestati a quota 292 milioni di euro con un incremento del 7% sui 270 milioni di euro dell’anno precedente. Nel complesso, il fatturato consolidato è cresciuto del 62% negli ultimi sei anni. Nel dettaglio, viene spiegato, il “78% è stato generato da esportazioni in tutto il mondo, tra cui una linea per il confezionamento di un patch per il diabete alla multinazionale americana Abbott Laboratories” mentre sul mercato italiano, gli ordini nazionali sono quasi raddoppiati rispetto al 2015. “Anche nel 2016 ci siamo confermati come un’azienda solida e in salute – sottolinea il presidente del gruppo bolognese e di Confindustria Emilia-Romagna, Maurizio Marchesini – la recente nomina dell’ingegner Pietro Cassani come amministratore delegato sarà di grande aiuto in ottica di un’ancora maggiore internazionalizzazione del Gruppo e per raggiungere nuovi traguardi di espansione, anche attraverso acquisizioni”. Tra le strategie della società di Pianoro (Bologna), una maggiore presenza sul settore cosmetico. Per questo, Marchesini Group ha inserito in portafoglio Dumek, storica azienda familiare bolognese specializzata nella progettazione e costruzione di macchine di processo per il settore cosmetico come turboemulsionatori e fusori usati per il mescolamento di prodotti per il make-up, detergenti, tinture per capelli, paste dentifricie, maschere e schiume per la rasatura. Nel 2016 Dumek ha registrato un fatturato pari a 3,5 milioni di euro in crescita rispetto ai 2,4 milioni del 2015.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet