Maranello protagonista al Mipim di Cannes


La nuova piazza del Museo Ferrari di Maranello, inaugurata nei giorni scorsi, realizzata con le lastre Bedonia Exté Active di Granitifiandre, è stata protagonista dell’intervento della Città di Maranello e del suo marchio ufficiale Maranello Made in Red® al Mipim di Cannes. “The international real estate show for professionals” è il più prestigioso salone dedicato allo sviluppo territoriale in tutte le sue declinazioni. Si è tenuto in Francia dall’11 al 14 marzo. La manifestazione ha visto l’adesione di 2.000 espositori, 20.000 partecipanti, 4.300 investitoti, 350 città e 80 Paesi, solo per citare alcuni numeri; anche quest’anno ha raccolto e messo in contatto gli attori più influenti della filiera immobiliare, dell’alta finanza e delle istituzioni territoriali di tutto il mondo, con l’obiettivo di favorire la presentazione di nuovi progetti, la ricerca di partners finanziari e la realizzazione di nuovi investimenti.

 

Il territorio di Maranello, rappresentato al Mipim dal Ceo di Made in Red Srl Stefano Storchi e dall’architetto Roberto Bolondi dirigente del Comune di Maranello, è stato inserito, come caso di studio, insieme alle città di Derby, Barcellona e Torino, nel contesto del workshop “Cities’ trasformation: urban regeneration strategies”. L’esperienza di rigenerazione urbana riportata ha riguardato “Maranello e il Museo Ferrari: passione… attiva”. “Questa esperienza ha dimostrato come una sinergica collaborazione fra eccellenze italiane di pubblico e privato – si legge in una nota – possa portare al miglioramento delle condizioni di vita”.

 

La Città di Maranello e il Museo Ferrari sono impegnati insieme nella realizzazione della nuova piazza del Museo, un esempio in Italia e nel mondo di piazza lastricata con un materiale “attivo” e non “passivo” in termini di sostenibilità ambientale: l’intera area del nuovo piazzale del Museo è stata infatti rivestita con 1088 metri quadri di lastre Bedonia Exté Active prodotte da GranitiFiandre, in grado di assorbire l’inquinamento e deteriorarlo.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet