Manovra, preoccupazione di Confindustria Emilia


Il governo esulta in piazza, i mercati no. La decisione di far salire il deficit al 2,4% nella prossima legge di bilancio spaventa gli investitori e la borsa brucia miliardi. A poche ore dall’annuncio lo spread sale avvicinandosi ai 300 punti con un tasso di interesse sui titoli di stato al 3%. Piazza Affari va in picchiata e i titoli bancari finiscono sotto tiro, più volte sospesi. Il commissario europeo Moscovici annuncia possibili sanzioni, ma Salvini è pronto a tirare dritto, con buona pace del ministro della Finanza Tria che dopo le resistenze iniziale ha ceduto su tutto. A esprimere forte preoccupazione per gli scenari creati è il presidente di Confindustria Emila Alberto Vacchi.

Riproduzione riservata © 2019 viaEmilianet