Manodori, sì a Unicredit ma senza debiti


©TelereggioREGGIO EMILIA, 23 DIC. 2011 – Sì a Unicredit, ma con prudenza e senza fare debiti. Al termine di un consiglio generale durato quasi tre ore, la Fondazione Manodori ha deciso: parteciperà all’aumento di capitale di Unicredit, ma con un’adesione parziale, nell’ordine del 40% della sua quota, senza indebitamento e senza esborsi aggiuntivi. Una scelta che ricalca quella sulla ricapitalizzazione del gennaio 2010.La Manodori investirà circa 24 milioni di euro, sottoscrivendo 79 milioni di nuove azioni. La Fondazione venderà sul mercato il 60% dei diritti, ricavandone appunto 24 milioni, e con questa somma sottoscriverà la quota restante dell’aumento di capitale. I titoli Unicredit in portafoglio saliranno così da 152 a 231 milioni. L’operazione non avrà costi aggiuntivi, ma genererà una minusvalenza di circa 3 milioni di euro.La quota dell’ente reggiano nel capitale sociale di Unicredit scenderà allo 0,53%. Per far fronte agli impegni di cassa del 2012, la Manodori dovrà smobilizzare quote di fondi d’investimento per circa 6 milioni di euro. La decisione è passata con il voto favorevole di 8 consiglieri, 3 voti contrari e due astensioni. Il consiglio di amministrazione si è poi riunito per la presa d’atto del voto del consiglio generale.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet