Il manifatturiero torna a rallentare


Dopo un primo miglioramento, segnato dai dati incoraggianti registrati nel primo trimestre dell’anno, l’andamento delle industrie manifatturiere emiliano-romagnole ha subito un rallentamento.  A tratteggiare questo scenario di luci e ombre è l’indagine congiunturale regionale sull’industria manifatturiera, relativa al secondo trimestre del 2014, realizzata da Unioncamere, Confindustria e Intesa Sanpaolo. La produzione, si legge dalle stime, è diminuita dello 0,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, mentre per quanto riguarda i comparti, ad eccezione di quello alimentare e meccanico rispettivamente in crescita dello 0,9 e 1,3%, per gli altri i numeri sono in negativo, seppur con diverse sfumature. Proseguendo con i dati, il fatturato ha subito una flessione dello 0,9%, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, così come la domanda diminuita dell’1%. L’indagine considera anche il capitolo occupazione: il settore dove si sono persi più posti di lavoro è il comparto costruzioni dove è stato registrato un -5%.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet