Magneti Marelli, operai in sciopero per informarsi


BOLOGNA, 29 APR. 2011 – "Costretti a scioperare per parlare ai lavoratori della Magneti Marelli". Lo si legge in una nota firmata Rsu Fiom-Cgil di Crevalcore, comune in cui ha sede lo stabiliemento nel quale era stata chiesta un’assemblea retribuita per mercoledì 4 maggio cui, secondo il sindacato, "Fim ed Associazione Quadri Fiat hanno detto di no". "Volevamo esporre – prosegue la nota – le serie problematiche e criticità che stiamo attraversando. Il mondo del Lavoro è a pezzi, la crisi continua, gli accordi separati si estendono in tutti i settori. Per questo la Cgil, primo sindacato italiano, ha proclamato uno sciopero generale il 6 maggio per tutte le lavoratrici e i lavoratori di ogni categoria.Ognuno è libero di pensare ed esprimere le proprie opinioni, e l’Assemblea è il luogo deputato, per questo nei luoghi di lavoro avremmo voluto un confronto serio e sereno con coloro che non condividono le ragioni di questo sciopero ed i lavoratori ne avrebbero beneficiato nel farsi una propria opinione. Tuttavia quello che fa strada è il sindacato del tacere, del nascondersi, del non affrontare. La Fim e l’Associazione Quadri Fiat si allineano per non informare.Per questi motivi ci vediamo costretti, per ottemperare al legittimo diritto di informazione che i lavoratori hanno in merito alla situazione lavorativa nel nostro paese, a proclamare per mercoledì 4 maggio un’ora di sciopero in ogni turno per effettuare le assemblee".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet