Licenziamenti alla Apple Press di Modena. La Cgil: “Gravi irregolarità”


MODENA, 17 GIU. 2009 – Apple Press Group, che edita a Modena Il Caffé, Modena Affari, Vignola Affari, Carpi Affari, Sassuolo Affari, Maranello Affari, Formigine Affari e diverse altre riviste, anche nelle province limitrofe, "negli ultimi sei mesi, dopo aver avuto nel tempo fino a 40 dipendenti, ha licenziato per crisi e calo dell’attività produttiva, una dozzina di lavoratrici e lavoratori senza aprire alcuna procedura legata agli ammortizzatori sociali, e senza avviare un confronto con le Organizzazioni Sindacali". Lo scrive in una nota la Filcams Cgil."Vergognosa è poi la modalità scelta per i licenziamenti – si legge nel comunicato -, vale a dire quella dell’allontanamento improvviso dalla sede aziendale dei collaboratori. Una di queste aveva ventidue anni di anzianità, ed era presente in azienda dal primo giorno. Un altro, apprendista ed invalido, è stato licenziato al rientro da una malattia, dopo essere stato costretto a firmare un documento nel quale falsamente risultava aver partecipato a corsi di formazione mai avvenuti. Ad un’altra, per errore aziendale, è stato impedito di ottenere l’indennità di disoccupazione.”Ma la serie di azioni scorrette da parte di Apple Press non si ferma qui. “A tutti – conclude il sindacato – è stato impedito l’utilizzo di ammortizzatori sociali, a causa della mancata apertura delle procedure di Legge. Numerose sono infine le denunce di irregolarità che Filcams/Cgil ha raccolto tra i dipendenti e che faranno parte di un dossier che sarà consegnato alla Direzione provinciale del Lavoro di Modena".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet