Libia, Errani sprona il Governo


CASALECCHIO DI RENO (BO), 28 MAR. 2011 – "Siamo un paese civile! – ha tuonato stamattina il presidente della Regione Emilia-Romagna Vasco Errani parlando dell’accoglienza dei profughi in arrivo dalla Libia – Basta con queste parole, con questi giudizi, tali per cui arrivano in un’emergenza umanitaria i profughi e allora si rimandino a casa loro". Il presidente della conferenza delle Regioni e dell’Emilia-Romagna, dal palco di un convegno della Spi-Cgil a Casalecchio di Reno, si è rivolto retoricamente all’Esecutivo esclamando, tra gli applausi di un teatro gremito dai pensionati del sindacato: "Se avete responsabilità di Governo, prendetevele. Così come facciamo noi. Con spirito democratico, in nome della nostra costituzione"."Questa settimana il governo deve presentare la proposta di piano, che poi dobbiamo condividere come regioni e come province. Sulla base di questo, concordando il piano, lavoreremo per dare una risposta a questa emergenza umanitaria di tutta la Repubblica", ha precisato Errani non tirandosi indietro. "E’ chiaro – ha ribadito – che tutte le regioni devono fare la propria parte, tranne l’Abruzzo per le vicende del terremoto". Il presidente dell’Emilia-Romagna ha ricordato infine l’accordo tra governo, regioni, comuni e province: "Prevede che in tutte le regioni, proporzionalmente agli abitanti, vi sia una sforzo di solidarietà".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet