Liberiamo l’acqua. Banchetti in tutta la regione


25 APRILE 2010 – La staffetta è già iniziata, partita in questo weekend di festeggiamenti per i 65 anni della Liberazione. Compito: raccogliere nei primi due giorni 50 mila firme per i tre referendum sull’acqua pubblica. Una data, quella del 25 aprile, scelta non a caso dal Forum per i Movimenti per l’acqua le altre realtà promotrici della raccolta: in ballo c’è la Liberazione dell’acqua dalle logiche di profitto. "I quesiti per i tre referendum chiedono infatti l’abrogazione di tutte le norme che hanno aperto le porte della gestione dell’acqua ai privati e fatto della risorsa bene comune per eccellenza una merce", spiegano sul loro sito gli organizzatori.Su www.acquabenecomune.org è possibile accedere anche a una mappa per trovare il banchetto di raccolta firme più vicino a casa. In Emilia-Romagna sono 22 i punti in cui si può dare la propria adesione, molti posizionati in concomitanza con manifestazione in onore del 25 aprile. Come succede a Carpi, in piazza Martiri, oppure al museo Cervi di Gattatico, nel reggiano.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet