Liberi i consulenti italiani bloccati in Egitto


IL CAIRO, 9 MAR. 2012 – Da questa mattina alle 4.30 locali (le 3.30 in Italia) gli otto consulenti italiani del grande gruppo industriale di ceramiche egiziano Cleopatra, sono di nuovo liberi. Sabato scorso erano stati bloccati nella fabbrica di Ain Sokha, a circa 100 chilometri dal Cairo sul Mar Rosso, dagli operai in sciopero. Secondo fonti dell’ambasciata d’Italia al Cairo, gli otto sono stati liberati "dopo una lunga trattativa, il primo spiraglio si è aperto in serata", poi è avvenuta la liberazione. I consulenti sono al Cairo e "stanno bene, sono tranquilli e ringraziano l’Ambasciata per il lavoro svolto". Dovrebbero ripartire in giornata.Tutti i consulenti rilasciati vengono dall’Emilia-Romagna. Due sono imolesi e altri due modenesi: uno è Giovanni Gualtieri, dipendente della ditta Smalticeram, e del secondo si sa soltanto che lavora per l’azienda Esmalglass. Poi ci sono tre uomini provenienti dal Reggiano e un faentino, Enzo Pelliconi. L’unico dipendente della Ceramica Cleopatra è proprio Pelliconi, che della ditta era direttore tecnico. Gli altri sono tutti dipendenti di ditte fornitrici.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet