L’Emilia Romagna riconosce i “marina resort”


Dopo il Friuli Venezia Giulia, l’Emilia Romagna e la Liguria riconoscono i “marina resort”, le strutture organizzate per la sosta e il pernottamento dei turisti all’interno delle proprie unità ormeggiate nello specchio acqueo appositamente attrezzato, che diventa equiparato alle strutture ricettive all’aria aperta, condizione necessaria per l’applicazione dell’Iva al 10% vigente per tutti gli altri segmenti del turismo.

 

“Il turismo – sottolinea Ucina, la Confindustria della nautica in una nota – è una risorsa essenziale per l’economia del Paese, per questo a esso si applica un’Iva ridotta al 10%, anziché al 22%. Ciò non accadeva solo per la sosta e il soggiorno dei diportisti a bordo delle imbarcazioni. Questa sperequazione danneggia fortemente l’incoming turistico-nautico e, più in generale, le economie costiere. La proposta di istituire i “marina resort”, quali porzioni dei porti destinate al pernottamento dei turisti all’interno delle proprie unità mira proprio a colmare questa lacuna”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet