L’Emilia Romagna punta all’Australia


Porta dritto in Australia la strada per trovare nuovi sbocchi commerciali e interessanti prospettive di affari. Lo confermano due imprese emiliano-romagnole che hanno messo a profitto una recente missione nel grande Paese agli Antipodi coordinata da Unioncamere Emilia-Romagna, Promec Modena (Azienda Speciale della Camera di Commercio), Camera di Commercio di Ferrara in collaborazione con Camera di Commercio Italiana in Australia di Sydney. Pur lontana migliaia di chilometri, l’Australia, dove il 2014 si è chiuso con un incremento del PIL intorno al 3%, è comunque un punto di arrivo più vicino di quanto non si possa pensare: forte è l’attenzione ai prodotti emiliano-romagnoli assai competitivi per tecnologia e qualità. Che l’approccio a questa frontiera sia promettente, lo dimostra l’esperienza delle due aziende “pioniere”, la ferrarese Mangolini Confezioni s.r.l. (marchio PHILO) ditta di abbigliamento di Goro e la modenese DEC s.p.a. produttrice di trattori elettrici e lavasciuga, che hanno concluso contratti con controparti australiane. E’ un primo passo, confortante per il futuro. “Non avevamo finora preso in considerazione questo Paese, per motivi di distanza – afferma Pierluigi Cinquegrano, sales manager di DEC– La scelta di aderire all’iniziativa delle Camere di commercio è stata positiva ed ha portato a un risultato immediato con la firma di contratto di vendita di trattori elettrici da traino a una azienda australiana presente anche in Nuova Zelanda”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet