Le nuove tasse minacciano l’agricoltura


©Trc-TelemodenaMODENA, 4 GEN. 2012 – Preoccupano le nuove imposte sui fabbricati agricoli introdotte dalla manovra anti-crisi. In un momento non facile per l’intero comparto, da un primo calcolo fatto da Confagricoltura, si tratta di 200 euro in media, in più, ad ettaro. L’agricoltura va sostenuta, resta una grande risorsa per la nostra realtà e questo non lo pensano solo gli addetti ai lavori. La nuova presidentessa di Confagricoltura di Modena, Eugenia Bergamaschi, traccia le linee del suo mandato con l’entusiasmo e lo spirito combattivo di chi è cresciuto in campagna. Padre e nonno imprenditori agricoli, la Bergamschi crede molto nel futuro del mondo agricolo nel suo insieme. Il 2011 è stato un anno non del tutto negativo per il settore. Bene il lattiero caseario e i cereali; il mercato dei suini si è ripreso a fine anno; la nota più dolente riguarda invece il comparto orto-frutta, per le pere è stato un annus horribilis. Le nuove imposte introdotte dalla manovra anti-crisi, in particolare quelle sui fabbricati, non aiuteranno certo il settore.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet