Le imprese dell’ER a scuola di Brasile


BOLOGNA, 16 GEN. 2011 – "Un mercato ricco di potenzialità per tutto il Sistema Italia". E’ questo il titolo del convegno dedicato al Brasile, in programma mercoledì nella sede di Unioncamere Emilia-Romagna a Bologna. E’ realizzato dal settore di promozione commerciale (Secom) del Consolato generale del Brasile a Milano e dell’associazione Brazil Planet, in collaborazione con Unioncamere ed Assocamerestero, con il supporto del Ministero dello Sviluppo Economico e delle Unioni Regionali delle Camere di commercio dell’area Nord.La tappa di Bologna segue a quelle di Venezia, Torino e Milano. Saranno i presidenti di Unioncamere Italiana, Ferruccio Dardanello e di Unioncamere Emilia-Romagna, Carlo Alberto Roncarati, ad aprire i lavori, introdotti poi dall’ambasciatore Luiz Henrique Pereira Da Fonseca, console generale del Brasile a Milano.La formula itinerante del seminario, appositamente rivolta agli Enti di promozione e alle PMI, in un percorso di confronto con i rappresentanti delle Istituzioni locali, permette di conoscere le opportunità di investimento e quindi utilizzare appieno le possibilità derivanti da questo grande mercato, anche attraverso le attività a sostegno e i servizi offerti dal SECOM, dalle Camere di Commercio Italiane in Brasile e l’ufficio ICE di San Paolo.Il Brasile sta vivendo una fase di forte crescita economica e rinnovamento, e va rafforzando sempre più il suo ruolo sulla scena mondiale: a fine 2011 è diventato la sesta potenza economica, e, secondo le previsioni degli analisti, raggiungerà il quinto posto entro il 2013.E’ un tema di particolare attualità anche grazie alla rassegna promozionale del "Made in Italy", denominata "Momento Italia Brasile 2011-2012", coordinata dal Governo italiano, che, attraverso una serie di eventi, tra l’ottobre del 2011 e la primavera del 2012, ha per obiettivo lo sviluppo delle relazioni bilaterali tra i due Paesi in ambito economico, commerciale, scientifico, tecnologico, sociale e culturale.Nella missione Governo/Regioni/Sistema Camerale in Brasile che si svolgerà dal 21 al 25 maggio, l’Emilia-Romagna sarà capofila nazionale della filiera agroindustria, e sarà rappresentata da partecipazioni significative anche in altri settori. Indice, questo, di una promettente vivacità nell’interscambio: nei primi nove mesi del 2011 a fronte di importazioni pari a oltre 183 milioni di euro, le esportazioni emiliano-romagnole verso il Brasile sono arrivate a superare i 498 milioni di euro (+11,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente).

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet