Le Farmacie comunali riunite in rosso alla voce assistenza


© TelereggioREGGIO EMILIA, 28 MAR. 2012 – “Le Fcr sono un’azienda sana”: il sindaco di Reggio, Graziano Delrio,  getta acqua sul fuoco delle polemiche attorno al bilancio delle Farmacie comunali riunite, che sarà approvato venerdì dal consiglio d’amministrazione. Un bilancio che si chiude con un rosso di 2,2 milioni di euro. Un deficit non provocato dall’attività primaria della municipalizzata, la vendita di farmaci, ma dal costo crescente dei servizi sociali che le sono affidati dal Comune, dall’assistenza domiciliare agli anziani al sostegno a minori e disabili.Dalla gestione delle farmacie e dall’attività del magazzino all’ingrosso le Fcr, su un fatturato di 164 milioni, ricavano un utile di 9 milioni, destinati ai servizi sociali. Il calo del contributo del Comune da 3 milioni e mezzo del 2009 ai 750mila euro del 2011 ha prodotto la perdita. Il sindaco afferma che se ci sono esigenze crescenti per l’assistenza sociale non toccherà solo alle Fcr farvi fronte.Il confronto sul bilancio delle Fcr si intreccia con la vertenza del personale per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro. Per venerdì i sindacati Cgil, Cisl e Uil hanno indetto una giornata di sciopero dopo che Assofarm, l’associazione delle aziende pubbliche, ha interrotto le trattative. Secondo i sindacati Assofarm si rifiuta di dare una adeguata risposta salariale alle attese dei lavoratori e mette in discussione diritti importanti, con richieste di aumento della flessibilità dell’orario di lavoro a seguito delle liberalizzazioni nel settore del commercio. I sindacati hanno preannunciato un presidio in piazza Prampolini e la richiesta di un incontro al sindaco.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet