Le Coop associate oltre i 16 miliardi di euro


Lo sviluppo sostenibile delle città è il tema al centro dell’annuale Assemblea dei Presidenti di Legacoop Bologna. Il contributo della cooperazione per uno sviluppo sostenibile del territorio bolognese, per raggiungere gli obiettivi dell’Agenda Urbana dell’Onu, avverrà attraverso i progetti che saranno elaborati dai cantieri di lavoro avviati assieme al centro studi Urban@it. Nel corso della parte pubblica dell’Assemblea dei Presidenti saranno presentate diverse esperienze di sviluppo sostenibile già realizzate da cooperative aderenti all’associazione. “Obiettivo di Legacoop Bologna è quello di rafforzare il contributo delle cooperative allo sviluppo sostenibile del territorio – commenta Rita Ghedini, presidente di Legacoop Bologna – Per questo abbiamo deciso di dare spazio, nella nostra assemblea, ad alcune delle migliori e concrete esperienze di sviluppo sostenibile realizzate da cooperative. Dobbiamo tutti impegnarci per raggiungere gli obiettivi dell’Agenda Onu e per fare di Bologna una città sostenibile, inclusiva, dinamica, attrattiva e di respiro europeo – conclude Ghedini – Ci sono le condizioni per un nuovo slancio di sviluppo del territorio, è un’occasione da non sprecare. I cooperatori, come sempre, non faranno mancare il proprio contributo diretto per creare migliori condizioni per i propri soci, per i dipendenti e per far crescere la qualità del territorio”. L’Assemblea dei Presidenti di Legacoop Bologna sarà aperta dai saluti del sindaco di Bologna, Virginio Merola e dall’interveto di Ed Mayo, vicepresidente di Cooperative Europe. In base ad una stima fatta sui preconsuntivi, le cooperative associate a Legacoop Bologna prevedono di chiudere il 2017 con un valore della produzione di 16,1 miliardi di euro, in crescita dell’1,2% rispetto all’anno precedente. Gli occupati (per il 92% a tempo indeterminato) sono 61.971, stabili rispetto all’anno precedente. I soci di cooperative associate a Legacoop Bologna sono 2,6 milioni. Tra il 2011 e il 2017, il numero di occupati nelle cooperative associate è aumentato del 57,6%; nello stesso periodo di tempo, il valore della produzione è cresciuto del 29,8%: dai 12,4 miliardi del 2011 ai 16,1 miliardi dei preconsuntivi 2017. “I numeri degli andamenti delle cooperative sono indicativi di diverse tendenze – commenta Simone Gamberini, direttore di Legacoop Bologna – Nel medio periodo, che in parte ha coinciso con la fase più intesa della crisi economica, notiamo che l’occupazione è cresciuta, in percentuale, più del fatturato, a testimonianza dell’impegno delle cooperative per la salvaguardia e la crescita occupazionale. Nel breve periodo – conclude Gamberini – assistiamo ad un consolidamento dei segnali positivi dell’economia, testimoniati anche dal positivo andamento di settori che più di altri hanno pagato la crisi. Il comparto delle coop d’abitazione, ad esempio, prevede di chiudere il 2017 con una crescita dell’8,3%. Persistono, invece, difficoltà nella logistica e nei trasporti”. Ai presidenti delle cooperative associate, sono stati presentati alcuni risultati del programma di potenziamento e rinnovamento degli strumenti associativi a sostegno dell’innovazione cooperativa, verso Industria 4.0 e la creazione di competenze per la gestione della digital transformation, tra cui Going Digital e il nuovo master in Sustainability and Business Innovation. Going Digital è un corso di Alta formazione per introdurre e consolidare le competenze digitali nelle imprese cooperative, promosso da Legacoop Bologna, Coopfond-Coopstartup e Bologna Business School, in collaborazione con Legacoop nazionale e Innovacoop. Il nuovo Executive Master in Sustainability and Business Innovation è stato progettato da Bologna Business School dell’Università di Bologna in collaborazione con Legacoop Bologna – Alma Vicoo, ed è pensato per permettere l’acquisizione di strumenti operativi, nuove competenze e una visione d’insieme a manager e professionisti che gestiscono nelle proprie organizzazioni processi di sostenibilità, economia circolare e innovazione sociale.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet