Lapam: “Valorizzare le eccellenze per essere competitivi”


Serata dedicata al mondo dell’agricoltura quella dal titolo ‘Agricoltura e territorio: prospettive di sviluppo e opportunità’, organizzata da Lapam Confartigianato e Copagri per evidenziare un settore imprenditoriale molto significativo nella nostra provincia e illustrare agli imprenditori le opportunità di sviluppo e le principali novità fiscali e contributive. “La nostra associazione – ha sottolineato nella sua introduzione Carlo Alberto Rossi, segretario generale Lapam Confartianato di Modena e Reggio Emilia – da sempre cerca di coniugare il settore agricolo specifico con altre attività come l’agroalimentare e l’internazionalizzazione, sfruttando le eccellenze del territorio per sviluppare il turismo enogastronomico. In controtendenza con quanto sta accadendo nelle altre categorie in cui si riscontrano grosse difficoltà a inserirsi nel mondo del lavoro, l’agricoltura vede i giovani avvicinarsi al settore per questo Lapam non può non prendere in considerazione questi aspetti e affiancare i nuovi imprenditori aiutandoli a fare filiera e portare i propri prodotti in mercati sempre più ampi. Per questo Confartigianato di Modena e Reggio ha deciso, in collaborazione con Copagri, di offrire ai propri associati una serata per illustrare le opportunita di sviluppo del settore e le principali novità fiscali e contributive”.

 

La serata ha visto l’intervento del direttore di Copagri, Valeria Camurri che ha trattato numerosi temi legati al mondo agricolo quali la disciplina dei nuovi titoli PAC 2014-2020, il Piano di Sviluppo Rurale Regionale 2014-2020 con particolare riferimento ai contributi alle aziende per investimenti, insediamenti e misure agro-ambientali e i piani produttivi del Consorzio Parmigiano Reggiano e della Nuova OCM (Organizzazione comune dei Mercati) per quanto riguarda soprattutto prodotti cerealicoli, ortofrutticoli, uova, vite, latte e produzioni zootecniche. “Il piano di azione della nuova politica comunitaria offre numerose opportunità al mondo dell’agricoltura a partire dagli interventi di base fino ad arrivare a quelli più specifici legati all’O.C.M – ha commentato Valeria Camurri – A breve partiranno i nuovi bandi legati al Piano di Sviluppo Rurale 2014-2020 con tutti gli assi e le misure a fondo perduto in conto capitale sia per investimenti alle aziende che per l’insediamento dei giovani, sino agli interventi in montagna e nel settore biologico. L’agricoltura dispone di molte risorse e per questo è necessario utilizzarle al meglio ai fini di un buon ricambio generazionale e con interventi mirati alla competitività delle aziende del nostro territorio spesso minata da una burocrazia pesante e da una normativa fiscale difficile che non tiene conto delle specificità e peculiarità del mondo agricolo”. “Il settore agricolo ha ottime prospettive di sviluppo – conclude Maria Luisa Gambuzzi, presidente Agrimprese – Il nostro paese, ma soprattutto la nostra regione è ricchissima di prodotti di qualità e può garantire un’alimentazione sana con controlli adeguati. Parmigiano Reggiano, Aceto Balsamico e Lambrusco sono solo alcuni dei prodotti D.O.P. riconosciuti a livello europeo che vanno tutelati e valorizzati al fine di essere competitivi nei confronti di un mercato globale molto difficile da governare”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet