Lapam: “Verificare il protocollo tra Governo e autotrasportatori”


“Siamo in ritardo sulla tabella di marcia per l’attuazione del Protocollo d’intesa siglato alla fine del novembre scorso tra Governo e Organizzazioni dell’autotrasporto che ha portato alla revoca del fermo nazionale dei servizi di trasporto”. Ad affermarlo è il presidente di Lapam Confartigianato Trasporti Amedeo Genedani il quale ricorda che “il Protocollo prevedeva una verifica alla fine del mese di gennaio, ma non è ancora stata attuata”.

 

“Nel frattempo – aggiunge Genedani – il Governo ha introdotto un aspetto decisivo per la categoria del trasporto, come l’aumento dei pedaggi che ha causato alle imprese aumenti dei costi ingiustificati e non previsti. Altrettanto onerosi sono gli importi delle sanzioni alle violazioni del Codice della Strada e per il mancato rispetto di norme in materia del lavoro”. “Insomma – continua Genedani – non c’è pace per l’autotrasporto che continua a fare i conti con la concorrenza sleale del cabotaggio e con l’applicazione dei tempi di pagamento e le regole sull’uso del personale in distacco”.

 

Il presidente di Lapam Confartigianato Trasporti lancia al ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture Maurizio Lupi l’appello a riprendere subito il filo interrotto del dialogo: “Dobbiamo riavviare il confronto sulla base di una posizione comune, evitando qualsiasi polemica strumentale e mirando alla soluzione dei problemi. Ogni ulteriore indugio purtroppo non fa che provocare nuovi problemi per le imprese di autotrasporto”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet