Lamborghini, il miglior welfare 2014


Il “Top employers Italia 2014” va al welfare aziendale di Lamborghini. La certificazione viene assegnata ogni anno dal Top Employers Institute a imprese “con eccellenti ambienti di lavoro e avanzate politiche di gestione delle risorse umane”. Lo speciale ”bollino” di qualità si raggiunge dopo un processo che dura circa un anno nel quale si selezionano aziende con almeno 250 dipendenti a livello nazionale (Lamborghini ne conta 1.020, cresciuti del 61% negli ultimi 10 anni; 300 le assunzioni dal 2011) o 2.500 a livello internazionale e si analizzano cinque tamatiche: politiche retributive, condizioni di lavoro e benefit, formazione e sviluppo, opportunità di carriera e cultura aziendale. “Questo prestigioso riconoscimento conferma che stiamo lavorando nella giusta direzione verso il raggiungimento di uno dei nostri obiettivi strategici: diventare un datore di lavoro sempre più attrattivo”, dice il presidente e ad della casa di Sant’Agata bolognese, Stephan Winkelmann. Del resto, rivendica in una nota, “Lamborghini non è solo un’azienda di eccellenza nella produzione di super sportive di lusso, ma lo è anche nella gestione delle risorse umane. I nostri dipendenti sono il motore del nostro successo, il plus competitivo della nostra azienda, e per questo abbiamo sviluppato una strategia di gestione delle risorse umane all’avanguardia”. Il welfare in Lamborghini passa da politiche contrattuali e retributive, e iniziative per migliorare le condizioni di vita durante e al di fuori dell’orario di lavoro. Inoltre, segnalano sempre da S.Agata, “le retribuzioni in Lamborghini sono particolarmente attrattive” con incrementi legati al raggiungimento degli obiettivi. Il cosiddetto “work-life balance”, l’equilibrio tra vita privata e professionale, è “ritenuto alla base del benessere e della motivazione del personale” e si traduce in assicurazione per i rimborsi delle spese mediche, check-up e vaccinazioni gratuite, convenzioni con asili, centri sportivi, attività commerciali e culturali. Ai neo-genitori, Lamborghini offre un’integrazione economica al trattamento erogato dall’Inps per i primi sei mesi fino al 50% e ulteriori permessi retribuiti per malattia dei figli. In tema di sicurezza, invece, sfoggia il premio della presidenza della Repubblica ricevuto al Forum nazionale sulla salute e sicurezza dei luoghi di lavoro. In più c’è la partnership con l’unità operativa di Medicina del lavoro dell’Università di Bologna e del Sant’Orsola per l’applicazione della corretta ergonomia delle postazioni in ogni fase del ciclo produttivo e per prevenire i rischi. Perfino i menu della mensa sono ”mirati”, decisi assieme a un nutrizionista e attenti a frutta e verdura a ”km 0”. E le relazioni sindacali? “Un modello virtuoso ispirato a dialogo continuo, trasparenza, collaborazioni”, assicura la nota.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet