L’agrindustria cooperativa in Corea


Una delegazione di rappresentanti dell’agroindustria cooperativa emiliano-romagnola partecipa alla International Agricultural Exibition (IAE) – manifestazione fieristica che si svolge nella Provincia dello Jeollanam-do (Corea del Sud), in programma dal 15 al 19 Ottobre 2015. Le imprese coinvolte sono: Coop Italia Food, il Consorzio Parmareggio, La Lanterna di Diogene (acetaia, cooperativa sociale e presidio Slow Food), Gruppo Cevico e C.M.A. Solierese Società Agricola. Durante la missione la delegazione istituzionale, formata da Giovanni Monti, presidente di Legacoop Emilia-Romagna, Roberta Trovarelli, responsabile di Progetti e relazioni internazionali e da Gianluca Verasani, direttore di Legacoop Modena, incontrerà il governatore della provincia di Jeollanam-do, Nak Yon Lee, il presidente della federazione Namdo-Cooperatives, Kim Hwa-Jin, e il sindaco di Seoul, Park Won Soon. «L’obiettivo della missione è supportare le azioni commerciali delle cooperative cominciando dalle eccellenze dei prodotti agroalimentari della nostra regione e, soprattutto, esportare il modello cooperativo emiliano-romagnolo che è stato adottato come benchmark di sviluppo di nuove cooperative per il territorio della Repubblica di Corea – ha spiegato il presidente Monti –. Con questa prima missione si cominciano a concretizzare gli obiettivi di collaborazione siglati lo scorso maggio fra Legacoop Emilia-Romagna e la federazione Namdo-Cooperatives della Provincia di Jeollanam-do». Le imprese parteciperanno alla fiera con l’esposizione di prodotti agroalimentari, incontreranno buyers provenienti da Corea, USA, India e Tailandia e parteciperanno ai seminari tematici. In programma anche uno show cooking a cura di Giovanni Cuocci della Cooperativa La Lanterna di Diogene che si svolgerà il 16 ottobre alle 17 e al quale sono invitati i buyers della gdo coreana e opinion leader locali. Verranno preparati alcuni piatti utilizzando i prodotti del nostro territorio (aceto balsamico, parmigiano reggiano, pasta, conserve, vino) insieme a verdure fresche del luogo e a prodotti della tradizione agroalimentare coreana per creare un mix di sapori che rappresentino la fusione delle due culture gastronomiche.

Riproduzione riservata © 2017 viaEmilianet