La Spal non paga gli stipendi, i dipendenti scioperano


FERRARA, 5 GEN. 2011 – Stanchi di aspettare una retribuzione che non arriva da sei mesi, i lavoratori della Spal sono partiti in contropiede. Visto che la società latita e non dà molti segni di volerli incontrare, per la prossima settimana è stato indetto uno sciopero. Un’astensione che si protrarrà fino al 15 gennaio, con termine prorogabile. L’obiettivo dei sei dipendenti, che si occupano della parte amministrativa e di tutta la gestione del centro di via Copparo, è capire se e quando le loro buste paga arretrate potranno essere pagate.Per vedere tutelati i loro diritti, i lavoratori si sono rivolti alla Cgil, la quale ha escluso un’istanza di fallimento per evitare che i posti di lavoro attuali vadano persi. Lo sciopero ora rischia di compromettere l’incontro casalingo col Taranto tra due giornate.A saldare le retribuzioni arretrate dei dipendenti, avrebbero potuto far comodo gli anticipi sui ricavi dell’investimenti fatto nel fotovoltaico prima dell’inizio di campionato. Alla Spal non è però stato permesso di incassare nulla, in quanto un regolamento della Federcalcio vieta alle società sportive di autofinanziarsi con attività commerciali. Una norma giudicata obsoleta dalla Fgci stessa, ma che intanto ha portato al club estense una multa di 15 mila euro.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet