La replica di Delbono: “Non servono litigi nel Pd”


BOLOGNA, 24 MAR. 2009 – “Non sono in ritardo”, così Flavio Delbono respinge al mittente le critiche ricevute da Sergio Cofferati. Incontrando in mattinata un gruppo di vigili urbani del Pd, Delbono si è detto fiducioso di chiudere coalizione e programma nelle prossime settimane. Il prossimo appuntamento del candidato sindaco, infatti, è quello con gli esponenti di Rifondazione comunista. "Sono molto soddisfatto della campagna elettorale e il mio consenso è in crescita", ha spiegato, aggiungendo che "i litigi del centrodestra secondo me a Bologna bastano e avanzano". Dunque, nessun pericolo di bissare la sconfitta del ’99 con la quale, ha chiarito Delbono, ”non vedo analogie".Sul rapporto con Cofferati, Delbono ha ricordato di "aver avuto occasione di esprimere apprezzamento per molte azioni della sua amministrazione". Con lui, ha assicurato, "ci siamo sempre visti e sempre sentiti e per me non cambia nulla.". “E’ sempre difficile – ha continuato Delbono – la coabitazione tra l’uscente e l’entrante, mi pare che anche in altre città non sia sempre armonica”. Infine, il candidato del Pd, è entrato nel merito degli aspetti del programma citati da Cofferati: "Non ho mai detto di spegnere Sirio, ma che è un diritto-dovere di un’amministrazione fare un bilancio delle sperimentazioni precedenti".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet