La Provincia di Rimini paga le imprese


La Provincia di Rimini paga i suoi debiti alle imprese, per almeno 10 milioni. La possibilità concessa dallo Stato, attraverso il decreto dello scorso aprile, di derogare ai vincoli del patto di stabilità nazionale e pagare le fatture ferme da tempo sulle scrivanie delle ragionerie degli enti locali si è concretizzata per la Provincia in ben sette milioni di euro erogati alle imprese. A questi si sono aggiunti altri tre milioni concessi dalla Regione come ulteriore allentamento dell’obiettivo del patto di stabilità. Complessivamente, la Provincia riminese è stata in grado di sbloccare pagamenti per oltre 10 milioni di euro e allineare i propri tempi medi di pagamento a quelli previsti dalla normativa in ballo. “Una boccata d’ossigeno preziosa per le imprese, specie locali. Complessivamente, nel corso del 2013 la Provincia di Rimini ha effettuato pagamenti per spese d’investimento per 14 milioni e mezzo di euro”, riporta l’ente. Per il 2014 sono state previste nuove modifiche delle modalità di concessione degli spazi finanziari da parte dello Stato agli enti locali con il fine, sulla carta, di consentire pagamenti altrimenti bloccati dai vincoli del patto di stabilità: “Si tratta di modifiche che, almeno a una prima valutazione, rischiano però di determinare – attraverso il meccanismo della ”ri-centralizzazione” – un’importante riduzione degli aiuti sia statali che regionali, con conseguenti rinnovate difficoltà nella gestione dei pagamenti”, scrive l’ente riminese in una nota.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet