“La politica del governo è anticostituzionale”


MODENA, 29 MAR. 2009 – L’allarme per "l’attacco della politica della maggioranza" alla "legalità costituzionale – con le norme su testamento biologico, intercettazioni, diritto di sciopero, obbligo dei medici di denunciare i clandestini – ha concluso, a Modena, i tre giorni del XVII congresso di ‘Magistratura democratica’, la corrente di sinistra delle toghe.Nel documento finale – approvato dall’assise che ha confermato la leadership della segretaria Rita Sanlorenzo, la più votata con 398 preferenze tra gli eletti al Consiglio nazionale – si sottolinea che "nel nostro Paese sono in corso da tempo e in forma sempre più grave attacchi all’assetto costituzionale dello stato repubblicano" con un progetto che mira a sovvertire "il fondamento egualitario e solidaristico dello Stato" e l’abbandono del principio di laicità.Per Md, a questo contesto fa da corollario "l’ostilità verso la funzione giurisdizionale di per sé destinata alla tutela delle libertà e dei diritti anche quando confliggano con i programmi delle contingenti maggioranze di governo". "Si spiega così – secondo Md – la sistematica campagna di delegittimazione della magistratura". Ma "si deve reagire al senso di inevitabilità della perdita dei diritti" e Magistratura democratica si impegna ad essere "uno dei motori della reazione". Prossimamente il ‘parlamentino’ di Md procederà alla nomina del segretario. Una riconferma.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet