La Perla, arriva la proroga per la cassa integrazione


BOLOGNA, 10 NOV. 2010 – Una boccata d’ossigeno per più di quattrocento lavoratori. Questo significa per i dipendenti de La Perla poter contare su altri due anni di ammortizzatori sociali. La cassa integrazione straordinaria da cui da tempo dipende la loro busta paga non scadrà più il prossimo 14 gennaio, ma andrà avanti fino al 2013. Lo stabilisce un accordo firmato oggi in Regione alla presenza delle istituzioni (Regione Emilia-Romagna, Province di Bologna e Forlì-Cesena), della direzione aziendale, in rappresentanza della proprietà americana del fondo JH Partners, Unindustria Bologna, Unindustria Forlì-Cesena, le organizzazioni sindacali e i rappresentanti dei lavoratori, Filctem-Cgil, Femca-Cisl, Uilta-Uil e Rsu aziendali. La proroga riguarda i lavoratori degli stabilimenti di Bologna e di San Piero in Bagno (Forlì-Cesena).L’accordo – precisa un comunicato – prevede la richiesta al ministero del Lavoro della proroga degli ammortizzatori dalla scadenza attuale, prevista per il 14 gennaio 2011, sino al 14 gennaio 2013. C’è inoltre l’impegno delle parti a verificare entro il 30 settembre 2011 il permanere della necessità anche per il secondo anno di proroga. "E’ un accordo che consente di venire incontro a una grave situazione occupazionale, dovuta alle pesanti difficoltà economiche dell’azienda – ha sottolineato l’assessore regionale alle Attività Produttive, Gian Carlo Muzzarelli – I due anni consentono un po’ di respiro ai dipendenti interessati, in attesa di un rilancio dell’azienda e dell’economia regionale e mondiale".La cassa integrazione a zero ore riguarderà 320 addetti per la sede di Bologna, e 89 dello stabilimento romagnolo, che ha cessato la produzione. L’ex proprietario del Gruppo La Perla, Alberto Masotti, ha dato il proprio contributo in qualità di proprietario della sede in cui si trova lo stabilimento bolognese, assicurando la proroga dell’utilizzo a uso locativo dell’immobile di via Mattei, alle condizioni precedenti e senza alcun aumento.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet