La Perla, accordo ponteper 500 dipendenti


BOLOGNA, 19 GIU. 2013 – Parte dal ministero del Lavoro l’era di Silvio Scaglia a La Perla, con un accordo ponte per i 500 dipendenti dell’azienda di lingerie bolognese. Questa mattina infatti è stato raggiunto un accordo sindacale per la gestione della riorganizzazione de La Perla Global Management Srl, la società veicolo in cui confluiranno gli asset del gruppo comprato dall’ex patron di Fastweb all’asta per 69 milioni. In particolare, presso il ministero, i sindacati hanno sottoscritto l’accordo dalla durata di 24 mesi per accedere alla cassa integrazione guadagni straordinaria (Cigs). La società, rappresentata dall’avvocato Francesco Rotondi e da Massimiliano Arlati, ha confermato l’impegno al riassorbimento della forza lavoro, nell’arco temporale di realizzazione del piano industriale. L’intesa, ha spiegato Giacomo Stagni della Filctem-Cgil, prevede cassa integrazione a zero ore per circa 140 persone, mentre altri 200 dipendenti la faranno a rotazione, infine un numero più ristretto potrebbe accedere all’ammortizzatori in caso di cali produttivi, "ma l’impegno di Scaglia è che gradualmente, nei prossimi due anni, mano a mano che sarà completato il piano industriale, siano tutti riassorbiti".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet