LA PATATA VOLA/2 Un tubo che spara tuberi


MODENA, 19 MAR. 2010 – Due tubi in pvc, del nastro isolante, un tubetto di attac e un accendino da cucina. E’ l’occorrente per costruirsi il proprio bazooka personale. Non un’apparecchiatura bellica vera e propria, ma uno sparapatate, ovvero un cannoncino capace di sparare a 150 metri una patata. In inglese si chiama "spud gun", o anche "potato cannon", ma basta digitare "sparapatate" su google per trovare un’ampia documentazione in italiano su come fabbricare il marchingegno. Mentre su youtube non si contano i filmati in cui si vedono volare tuberi a forte velocità. Disponibile anche una lista dei deodoranti spray migliori a fare da propellente al proiettile vegetale.Il passatempo arriva dagli Stati Uniti. Un hobby che ricorda l’altro esperimento-tormentone sulla rete qualche anno fa: fare esplodere bottiglie di Coca Cola Light infilandogli dentro due o tre pacchetti di caramelle Mentos. Stavolta dai dolciumi si passa alla verdura, ai tuberi per essere precisi. Attività a cui di solito si dedicano ragazzi soli in pomeriggi noiosi. Come dire, in mancanza di patata, perché non distrarsi con uno sparapatate.Regola numero uno da seguire, però, è fare schizzare le patate in luoghi aperti ma privati. Se lo si fa in un giardino comunale si rischia la denuncia per esplosioni in luogo pubblico. Com’è successo a Modena a due diciannovenni fermati la scorsa settimana dalla polizia provinciale nella prima periferia della città. Oltre alla denuncia, ai ragazzi è stato sequestrato lo sparapatate, giudicato pericoloso in quanto non sufficientemente robusto per resistere a più lanci. Eppure i due giovani Mac Giver hanno sottolineato agli agenti di aver seguito meticolosamente le istruzioni trovate su internet. Di questo la polizia provinciale ha ritenuto di dover informare, con un’informativa, la polizia postale.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet