La moda emiliano-romagnola si fa bella di fronte ai russi


BOLOGNA, 18 NOV. 2009 – Da Mosca all’Emilia-Romagna: oggi e domani una delegazione di operatori commerciali, designers, aziende e giornalisti russi incontra trenta imprese della nostra regione appartenenti ai settori del tessile, abbigliamento, pelletteria e calzature. Il meeting si svolge a Milano presso il prestigioso show room di Società Italia, realtà che distribuisce con successo da 16 anni brand del lusso nei mercati della ex Urss e che vanta una esperienza consolidata e fattive collaborazioni con importanti enti e strutture nazionali ed internazionali. Si tratta di un’iniziativa promozionale organizzata da CNA Federmoda, che intende promuovere l’intera filiera moda. Nell’ambito del "Progetto Interregionale di cooperazione integrata tra regioni italiane e russe nel settore distretti industriali per lo sviluppo del Made in Italy", finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico e dalla Regione Emilia-Romagna, la due giorni milanese intende porre le basi per la realizzazione di accordi per la vendita di prodotti moda italiani in Russia e, al contempo, promuovere la definizione di precisi accordi produttivi. Questo secondo aspetto è sicuramente innovativo nell’ambito delle relazioni commerciali tra i Italia e Russia “perché – come spiega Antonio Franceschini, responsabile CNA Federmoda – in Russia è ormai presente una realtà di stilisti locali che sta incontrando i favori di una parte importante di pubblico, in particolare tra i giovani. Questi designers hanno oggettive difficoltà nel trovare partner produttivi che siano posizionati su un livello qualitativamente alto di mercato e, soprattutto, non trovano nel loro Paese un sistema di piccole imprese che può dar loro collaborazione anche in termini di consulenza per l’industrializzazione del prodotto per piccole serie ed offrire grande flessibilità produttiva. Ecco quindi l’idea di costruire un primo momento di matching tra questi stilisti e le nostre imprese che operano in conto terzi.”L’appuntamento di Milano è uno dei momenti dell’ampio programma previsto dal progetto che è stato avviato nel luglio 2008 per concludersi nell’estate del 2010. “Si tratta di una articolata serie di iniziative – sottolinea Isabella Angiuli, responsabile per l’internazionalizzazione di CNA Emilia-Romagna – che vogliono mettere a disposizione del settore moda dell’Emilia Romagna un pacchetto completo di opportunità, informazioni, formazione, promozione e consulenze. In questi mesi di operatività del progetto, abbiamo fornito alle imprese un ampio ventaglio di incontri, cercando di confezionare un prodotto che fosse fruibile da un grande numero di aziende. I risultati fino ad oggi ottenuti confermano che abbiamo individuato una interessante modalità di approccio, in grado di creare relazioni e business per le imprese su di un mercato, quello russo, sempre più interessato al fashion style made in Italy”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet