La Meccatronica premia Stmicroelectronics


La Stmicroelectronics, tra le più importanti realtà al mondo nel campo dei semiconduttori, si è aggiudicata la settima edizione del “Premio Italiano Meccatronica”, organizzato da Unindustria Reggio Emilia, in collaborazione con il Club Meccatronica. La giuria che ha assegnato il riconoscimento, presieduta dal presidente degli industriali reggiani ha premiato la Stmicroelectronics “per il fondamentale e innovativo contributo apportato al miglioramento della vita delle persone grazie ai prodotti e alle tecnologie sviluppate nel campo della microelettronica”, e “per la leadership mondiale acquisita nel settore dei sensori micromeccanici “Mems” che hanno reso possibile un nuovo modo di interagire con i dispositivi elettronici e la creazione di un nuovo settore di mercato”, si legge nella motivazione. La premiazione è avvenuta questa mattina nel nuovo Tecnopolo di Reggio, nel capannone 19 delle Ex Officine reggiane. L’azienda vincitrice è stata costituita nel 1987 dalla fusione tra due società di lungo corso nel settore, l’italiana Sgs Microelettronica e la francese Thomson Semiconducteurs, ed è quotata in borsa dal 1994. Oggi le soluzioni meccatroniche rappresentano la nuova frontiera dell’industria meccanica nazionale, che può veder crescere le proprie capacità competitive solo a condizione di riuscire a sviluppare la competenza meccatronica indispensabile per conferire caratteristiche distintive ai propri prodotti”, commenta il presidente Stefano Landi. A Reggio Emilia, “ora abbiamo un luogo per coltivare questa nostra competenza distintiva, il Tecnopolo, dove le aziende, con le loro esigenze di innovazione, potranno confrontarsi ed incontrare il mondo della ricerca”, aggiunge.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet