La Marcia mondiale per la Pace farà tappa a Bologna


BOLOGNA, 18 MAG. 2009 – Passerà anche da Bologna fra il 7 e il 15 novembre – probabilmente mercoledì 11 – la Marcia mondiale per la pace e la non-violenza promossa dall’organizzazione umanista "Mondo senza guerre", che partirà il 2 ottobre dalla Nuova Zelanda per arrivare in Argentina il 2 gennaio 2010, toccando un centinaio di paesi e circa 300 città. L’iniziativa, presentata dal portavoce del coordinamento emiliano-romagnolo per la realizzazione dalla marcia Joaquin Valenzuela, ha lo scopo di chiedere ai governi lo smantellamento totale degli armamenti nucleari, la riduzione delle spese militari, la rinuncia ad utilizzare la guerra come mezzo di soluzione dei conflitti, e la fine di ogni violenza in tutti i campo della vita sociale. Testimonial della Marcia in Emilia-Romagna è lo scrittore Enrico Brizzi. "Non sono solito firmare appelli di questo genere – ha spiegato – ma questa volta ho aderito perché sento molto vicina questa iniziativa non solo per il merito, ma anche per il suo metodo: è bello che queste richieste vengano avanzate da gente pacifica in marcia con uno zaino anche per dare il senso che l’impegno è di ciascuno e siamo tutti sulla stessa barca. Saremo arrivati quando arriva anche l’ultimo". La marcia, che – come ha ricordato il portavoce Giovanni Melli – in Emilia-Romagna ha l’appoggio delle organizzazioni del Terzo Settore, sarà preceduta il 24 giugno da un evento in Piazza Maggiore, denominato "AllegrAndante". I dettagli saranno resi noti più avanti, mentre venerdì 22 maggio alle 18,30 nei giardini Fava di Via Milazzo ci sarà un "aperitivo per la pace" con mostre e momenti di musica e dibattito per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’iniziativa che nel mondo ha già rivcevuto l’adesione di centinaia di personalità del mondo politico, culturale e dello spettacolo.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet