La Green economy a Ecomondo


E’ già conto alla rovescia: domani a Rimini, all’interno della rassegna ‘Ecomondo-Key Energy-Cooperambiente’, parte l’edizione 2013 degli Stati Generali della Green Economy promossi dal consiglio nazionale dell’economia verde, composto da 66 organizzazioni di imprese in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e il Ministero dello Sviluppo Economico e il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. Il ‘summit’, in programma domani e dopodomani, sarà aperto dal Ministro dell’Ambiente, Andrea Orlando e concluso da quello dello Sviluppo economico, Flavio Zanonato e si svilupperà in tre sessioni di lavoro: la prima con interlocutori internazionali della Commissione Ue, dell’Ocse e dell’Unep; la seconda dedicata allo sviluppo locale della green economy con attenzione al ruolo dei Comuni e delle Regioni e la terza di approfondimento delle politiche economiche.

 

All’evento sono oltre 2.000 gli iscritti: lo scorso anno erano 1.500. “Chi ha investito nel settore della green economy in questi anni di crisi – osserva in una nota il ministro dell’Ambiente, Andrea Orlando – ha sofferto meno e già oggi ha gli strumenti per intercettare la ripresa prima di altre imprese, perché la green economy chiede innovazione, ricerca, tecnologia e anticipa le tendenze dei mercati internazionali”. Nel corso di ‘Ecomondo’, sarà presentato il ‘Pacchetto di misure per un Green New Deal per l’Italia’, un pacchetto con 10 gruppi di proposte in settori strategici della green economy. “Gli Stati generali della green economy del 2013 – ha dichiarato Edo Ronchi, del Consiglio nazionale della green economy – costituiscono una tappa importante per consolidare la visione, approfondire e presentare ai vari interlocutori la proposta programmatica e far crescere identità e coesione del mondo della green economy italiana. Dobbiamo valorizzare meglio le potenzialità della green economy in Italia – ha concluso – e migliorare la capacità di fare squadra per superare gli ostacoli che ne frenano lo sviluppo”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet