La Ferrari delude anche in Turchia


7 GIU 2009 – E’ tornato il buio sopra Maranello. Le Ferrari chiudono il Gp di Turchia portando a casa tre soli punti mondiali, grazie a Massa che difende con le unghie un desolante sesto posto. "Era il massimo che potessimo fare quest’oggi", ha dichiarato a fine gara il pilota brasiliano, che in Turchia aveva vinto gli ultimi tre Gran Premi. Mai competitivo, mai in grado di lottare con i primi, Massa è stato protagonista della più incolore delle gare. Ancora peggio è andata a Raikkonen. Il finlandese alla vigilia si era detto ottimista: "L’obiettivo è migliorare la posizione di partenza". Obiettivo, manco a dirlo, fallito. L’ex campione del mondo, scattato dalla sesta posizione, chiude la gara nono, fuori dalla zona punti, dopo aver perso inspiegabilmente tre posizioni durante il primo giro della gara.LA GARA Ad alzare le braccia è ancora una volta Jameson Button, che guida impeccabilmente la sua Brawn GP al sesto successo in sette gare. Dietro di lui, le Red Bull di Webber e Vettel. Quest’ultimo ha vanificato la splendida pole position di ieri al primo giro, sbagliando una curva e facendosi passare da Button. Costretto ad inseguire, il campioncino tedesco ha dirottato la sua gara su una controproducente strategia su tre cambi gomme, con il risultato di perdere anche la seconda piazza a vantaggio del compagno di squadra. Button, con 61 punti mondiali e 26 di vantaggio sul compagno di squadra Barrichello (oggi ritirato) può già ordinare lo champagne per festeggiare il suo ormai prossimo titolo iridato. Il Mondiale perde dunque interesse, dopo due anni spettacolari, in cui il titolo è stato assegnato dopo l’ultima curva dell’ultimo Gran Premio.E di certo non contribuisce allo spettacolo assistere al declino inarrestabile dei cosiddetti Top Team: se va male alla Ferrari, infatti, a Renault e McLaren va ancora peggio. Il campione del mondo Louis Hamilton ha chiuso 13°, subito davanti al suo compagno di squadra Kovalainen, mentre le francesi di Alonso e Piquet sono arrivate in 10ma e 16ma posizione. Una menzione va fatta per il nostro Jarno Trulli, che ha guidato la sua Toyota ad un eccellente quarto posto.GP di Turchia – ordine di arrivo1 Button, 2 Webber, 3 Vettel, 4 Trulli, 5 Rosberg, 6 Massa, 7 Kubica, 8 GlockClassifica iridata – pilotiButton 61, Barrichello 35, Vettel 29Classifica iridata – costruttoriBrawn 96, Red Bull 56,5, Toyota 32,5, Ferrari 20.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet